Conosciamo meglio i pidocchi

CONOSCIAMO MEGLIO IL PROBLEMA PIDOCCHI

La pediculosi è generata dai pidocchi
piccoli parassiti di colore bianco-grigiastro della lunghezza di pochi millimetri privi di ali, che si attaccano
al capello deponendovi le uova (lendini) che si schiudono dopo circa una settimana.
Il pidocchio vive succhiando il sangue dal cuoio capelluto.
Quando cade dai capelli muore dopo 48-72 ore, mentre le uova possono rimanere vitali per una decina di giorni.
Le lendini sono bianco-grigiastre di circa 1 mm e sono ancorate al capello (si possono differenziare dalla forfora
che al contrario viene via facilmente ).
Il prurito è il sintomo più frequente e fastidioso.
La diagnosi viene fatta trovando il pidocchio e/o le lendini vitali , soprattutto dietro le orecchie e sulla nuca.

Importante:
 le lendini vitali sono quelle trovate sul capello, vicino al cuoio capelluto, mentre le lendini
situate ad una distanza di 7-10 mm, sono da considerarsi “non vitali” perché deposte 15-20 giorni prima .

Come si trasmettono?

I pidocchi non saltano da una testa all’altra ma si trasmettono per contatto diretto oppure indirettamente tramite pettini, spazzole, berretti , sciarpe o altri indumenti. Si diffondono prevalentemente in luoghi affollati come scuole, oratori, colonie, ecc. e l’infestazione avviene indipendentemente dal livello di pulizia personale.

Quale terapia?

Esistono in commercio prodotti quali shampoo e lozioni contenenti perlopiù piretrine e permetrina le quali non garantiscono il successo,  in quanto i pidocchi, attualmente, sembrano adattarsi velocemente a questi principi attivi, restandone immuni.
A tal proposito vi rimandiamo alla rassegna stampa presente su questo sito.
Solo un prodotto che non contenga veleni, pesticidi od altro, è in grado di assolvere al compito di debellare i pidocchi senza provocare allergie o problemi collaterali ai pazienti.
Si tratta dello strumento Air-Hair, utilizzato in Italia per primi da noi.